2013: Osservatorio sulle politiche industriali, del lavoro e della contrattazione nei settori del Made in italy, Chimica ed energia

La UILTEC, in collaborazione con Local Area Network ha istituito l’ Osservatorio sulle politiche industriali, del lavoro e della contrattazione nei settori del Made in italy, Chimica ed Energia per fornire uno strumento conoscitivo sulle dinamiche occupazionali nei diversi settori industriali. E’ uno strumento a sostegno dell’ attività sindacale nella contrattazione con le aziende e fornisce alcune indicazioni sulle possibili  politiche di sviluppo .

Gli elementi costitutivi del quadro conoscitivo sono i seguenti:

  • il 2012 è stato un anno nero per l’ occupazione in Italia in quanto le perdite dell’ industria non sono più state compensate dal terziario; il 2013 ha pienamente proseguito questo trend, è stato notato che è la prima volta dal Dopoguerra che l’ arrivo di questa seconda recessione (dopo il 2009) avviene senza che gli impianti avessero recuperato la caduta della prima;
  • inoltre il tasso di disoccupazione e quello di attività crescono simultaneamente, segno che si stanno mobilitando nella ricerca di lavoro anche segmenti di persone che sono colpiti dalla caduta dei redditi famigliari complessivi
  • i numeri della CIG segnalano consistenti aumenti delle ore autorizzate, il rallentamento nel primo semestre 2013 è solo apparente, perché è dovuto al congelamento della CIG in Deroga. E’ anche da considerare un elemento di minore drammaticità il fatto che esiste un differenziale rilevante tra ore autorizzate e effettivamente utilizzate. Il cosiddetto “tiraggio” nel 2012 è sceso sotto il 50%;
  • la crescita dei contratti a tempo determinato rispetto a quelli a tempo indeterminato non si configura in termini dinamici, perché il tempo determinato rimane una percentuale costante negli anni – intorno al 13% – questo significa che la gran parte dei tempi indeterminati non sono prime assunzioni, ma trasformazioni di rapporto dal tempo determinato all’ indeterminato;
  •   la crescita delle situazioni occupazionali part time non ci porta agli standard europei, e soprattutto non è scelto e quindi assistiamo alla sua tendenziale “maschilizzazione”;

  • il mercato del lavoro è in evoluzione, non solo in contrazione, con ampio ricorso agli immigrati per le basse qualifiche e una forte contrazione dell’ offerta post – manifatturiera nel terziario che delude i giovani; è però anche un mercato del lavoro fluido, molto più di quanto comunemente si pensa, se nel 2012 si sono verificate oltre 10 milioni di nuove posizioni lavorative.

Visualizza le slide di presentazione dell’Osservatorio

Visualizza l’articolo pubblicato su Il Sole 24 ore di martedì 10 settembre 2013

Visualizza l’articolo pubblicato su Il Sole 24 ore in occasione della manifestazione del 11 ottobre 2013

Per visualizzare l’Osservatorio clicca qui