Traffico portuale: in crescita i volumi del Porto di Venezia

Dalle prime stime di Assoporti emerge che la portualità nazionale, considerata nel suo complesso, nel 2013 ha risentito della perdurante crisi economica, di pari passo con la pesante flessione del commercio estero del nostro Paese per via marittima. Fanno eccezione due comparti: quello dei container (+4,9%), e quello delle crociere (+4,5%).

E Venezia, proprio in questi due ambiti evidenzia risultati positivi: +2,5% nella movimentazione dei container e +4,8% nell’incremento dei passeggeri. Venezia, infatti, soprattutto per quanto riguarda i container, ha potuto beneficiare del trend positivo registrato dai porti dell’Alto Adriatico (oltre Venezia, Trieste, Koper e Rijeka) che nel 2013 hanno registrato un incremento complessivo del +5,9% di Teu, contro il +0,02% dei porti dell’Alto Tirreno.

Nell’ultimo triennio, poi, il porto di Venezia è cresciuto del 14% per numero di container, passando da 393mila all’anno a 450mila all’anno, ma sensibilmente meglio hanno fatto il porto di Trieste (+63% nel triennio, da 281mila a 460 mila container l’anno) e quello di Capodistria (+24% fino agli attuali 590mila container all’anno).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *