Crescono nel Nordest le sofferenze bancarie

Il valore complessivo delle sofferenze in capo alle imprese nel Triveneto è , pari a 12.744 milioni di euro (dati al 31/12/2012), il 13,4% del totale nazionale. Rispetto all’anno precedente (valore registrato a fine 2011) i prestiti alle imprese in sofferenza sono aumentati del +17,6% in linea con la media italiana (+17,9%). Anche nel medio periodo (da fine 2008 a fine 2012) le sofferenze in capo alle imprese del Nordest evidenziano un trend simile a quello registrato per l’Italia (+203% vs +200,8%). Per quanto riguarda le singole regioni il fenomeno risulta più accentuato in Veneto con una crescita delle sofferenze nell’ultimo anno pari a +19% e rispetto al 2008 del +218%. Friuli e Trentino invece presentano una situazione di minore rischio, soprattutto per l’area trentina e per l’Alto Adige.

Secondo i dati diffusi dalla Banca d’Italia, l’incidenza delle sofferenze bancarie sul totale dei prestiti erogati alle imprese nordestine è, comunque migliore della media italiana (9,9%): rispettivamente Trentino Alto Adige 4,9%, Veneto 9,5%; Friuli Venezia Giulia 8,7%; in sostanza, le imprese del Nordest rispetto al panorama nazionale risultano meno in difficoltà ad onorare i prestiti bancari con il trentino Alto Adige che si rileva in questo senso tra le regioni più virtuose.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *