In dieci anni il numero di case vuote è cresciuto del 22%

In Veneto, secondo i dati dell’ultimo censimento, si contano oltre 1,2 milioni di edifici, il 12% in più del 2011, di cui circa l’ 85% è sono ad uso residenziale. A livello provinciale Vicenza, Treviso e Padova contano il maggior numero di fabbricati, ma è Venezia che nell’arco del periodo 2001-2011 registra il progresso più sostenuto con una crescita superiora al 17%. Al di sopra della media regionale (+12,2%) si colloca anche Rovigo (+16,8%).

Le abitazioni. Anche se i dati non sono definitivi le abitazioni in Veneto superano quota 2,3 milioni (+15,6% rispetto al 2011), in pratica circa 2,2 per edificio ad uso abitativo. La Provincia capoluogo conta in termini assoluti il numero maggiore di case (oltre 447 mila abitazioni pari al 19,2%), ma sullo stesso ordine di grandezza si pongono anche Verona, Vicenza e Padova (rispettivamente 18%, 17,8% e 17,2%). Il progresso più rilevante si registra nel trevigiano (+19,7%), ma anche a Padova si registra un boom dell’edilizia abitativa (+18,3%).

La crescita dell’attività edilizia ha però determinato un sensibile incremento delle abitazioni vuote o non occupate da residenti che nel 2011 risultano sfiorare quota 390 mila, il 16,6% del totale delle abitazioni. Belluno e Venezia presentano le incidenze più elevate di case vuote rispetto alle abitazioni totali (rispettivamente 39,5% e 21,4%), anche se tali valori, soprattutto per Belluno si legano alla presenza  nel territorio di numerose case di villeggiatura. Più interessante, dunque, risulta sottolineare come nell’arco di 10 anni il numero di case vuote sia aumentato del 21,7%, soprattutto a Treviso e Padova (rispettivamente +41,8%) e +34,7%).

 

Visualizza comunicato della Regione Veneto

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *