Veneto indietro per le infrastrutture

A livello europeo il Veneto risulta all’ 80° posto (su 256 regioni) per la dotazione infrastrutturale. In base all’ indice sulla competitività delle regioni europee stilato dalla Commissione Europea il Veneto si colloca dietro a Lombardia (44°), Lazio (67°), Piemonte (70°) ed Emilia Romagna (76°). Per quanto riguarda le altre regioni del Nordest Il Friuli – Venezia Giulia è 122°, mentre le province autonome di Trento e Bolzano si piazzano rispettivamente al 113° e 132° posto

Nonostante risultino necessarie nuove infrastrutture per supportare la capacità di produrre ricchezza delle regione secondo l’ Osservatorio Nimby molte opere in fase di progettazione o di realizzazione risultano bloccate per il quadro normativo e gli iter burocratici, che spesso impediscono l’adempimento delle opere ed i servizi di pubblica utilità.

Rispetto al 2012, poi, cresce il numero di opere contestate: secondo l’ultimo osservatorio in Veneto sono 52 gli impianti contestatierano 41 nella rilevazione precedente. Si tratta per lo più di impianti per la produzione di energia o discariche, ma non mancano le infrastrutture viarie: dalla Pedemontana all’Alta Velocità Verona – Brennero per finire alla Valdastico Nord.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *