Il Veneto e i programmi di cooperazione territoriale europea 2014-2020

Il Veneto ha assunto l’autorità di gestione dei fondi per il programma Italia-Croazia; si tratta di 173 milioni di euro, che vanno ad aggiungersi ai fondi stanziati per gli altri programmi di cooperazione territoriale 2014-2020 finanziati dall’Unione Europea. In generale nella nuova programmazione aumentano del 34% i fondi per la Cooperazione territoriale europea.

Oltre a Italia–Croazia sono otto i programmi a cui il Veneto parteciperà nella programmazione, tre nella cooperazione transfrontaliera e cinque nella cooperazione transnazionale.

In particolare, viene confermato il programma Italia–Austria con una dotazione finanziaria FESR incrementata del 45,6% e con un’area di interesse molto più ampia: oltre a Belluno si aggiungono le province di Treviso e Vicenza. E’ confermato, inoltre, anche se sensibilmente ridimensionato, il programma Italia–Slovenia al quale solo la provincia di Venezia viene riservata la possibilità di instaurare nuove attività di cooperazione. Il vecchio Programma IPA Adriatico viene scisso e si articolerà in due nuovi programmi transfrontalieri che insistono nell’area adriatica: con Albania e Montenegro e con la Croazia.

Per quanto riguarda la cooperazione transnazionale, è confermato Central Europe che allargherà la propria area alla Croazia; rimangono sia MED, sia Spazio Alpino mentre viene aggiunto un nuovo Programma Adriatico–Ionico che sostituisce in parte il precedente Sud Est Europa perché avrà un ambito territoriale coincidente con quello dell’costituenda Macroregione Adriatico–Ionica e una dotazione finanziaria proporzionalmente limitata. Vengono infine confermati i 3 programmi di cooperazione interregionale: INTERREG IVC, Espon, Urbact.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *