Lo spreco dei fondi europei per le attività di formazione

L’Italia tra il 2007 e il 2013, attraverso i fondi strutturali europei (Fse), ha offerto corsi a circa 21 mila persone, la Francia aveva 254 mila iscritti e la Germania 208 mila (dati del network di esperti sulla spesa dell’Fse per l’inclusione sociale). Se si va a vedere il numero di soggetti che hanno completato le attività di formazione solo il 14% risultava poi occupato in Italia, contro l’85% della Francia e il 35% della Germania.

Questi sono alcuni numeri che sono stati evidenziati da uno studio “Il disastro dei fondi strutturali europei” curato dagli economisti Perotti e Teoldi che mette in evidenza l’inefficienza delle attività di formazione svolte in Italia, la mancanza di strumenti di valutazione per certificare la validità dei corsi finanziati e soprattutto l’uso improprio dei fondi da parte degli enti locali, i diretti interessati a beneficiare di tali risorse, ma poco incentivati ad assicurarsi che questi progetti funzionino effettivamente.

Per maggiori informazioni vai ad una sintesi dello studio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *