Relazione emporio solidale

La cooperativa sociale primavera ha avviato da quasi cinque d’intesa con l’amministrazione comunale di Mirano e con il contributo della regione del Veneto il progetto emporio solidale. È una attività che si articola a partire da un valore che noi consideriamo assolutamente importante e di grandissima attualità: prevenire lo spreco alimentare attraverso un recupero ed un riuso delle eccedenze. Il progetto si radica nel territorio del miranese e muove nella direzione di far crescere una rete sociale proattiva. Lo sviluppo del progetto si è mosso unendo, attraverso la mappatura della rete dei servizi sociali comunali, sia la conoscenza dei responsabili sia quella delle reti associative presenti nel territorio. Si è poi provveduto a svolgere un attività di sensibilizzazione di produttori e di operatori commerciali della zona affinché donassero le eccedenze all’emporio. Un passaggio successivo ci ha visti impegnati ad avviare processi di conoscenza e collaborazione con altri empori specializzati nella raccolta di eccedenze alimentari rispetto a specifici ambiti di produzione. A partire dal mese di novembre u.s. la cooperativa primavera ha incaricato a seguire le attività dell’emporio solidale e lo sviluppo delle stesse la dott.ssa Marika Bragato. Il nuovo impulso dato alla struttura ha consentito di ampliarne sia il numero dei donatori che dei beneficiari. Abbiamo gestito la disponibilità degli spazi da una parte e dall’altra le eccedenze nella prospettiva di offrire sempre una vasta gamma di prodotti di assoluta qualità ai beneficiari. In questo momento di particolare difficoltà economica dovuta alla crisi correlata alle limitazioni operative per la prevenzione della diffusione del virus Covid 19, la funzione dell’emporio solidale ha assunto un nuovo significato. Alle associazioni che abitualmente si rivolgevano all’emporio si sono aggiunte anche comunità con finalità sociali oltre a singole famiglie. La logica che accompagna la distribuzione considera centrale il nucleo famigliare e la sua composizione. L’emporio è aperto due giorni alla settimana. Tre giorni alla settimana sono dedicati ai conferimenti da parte dei donatori. Laddove ci sono segnalate situazioni di particolare difficoltà provvediamo anche alla consegna domiciliare della derrata alimentare. Dopo questo periodo di emergenza socio sanitaria la nostra cooperativa è impegnata, in una prospettiva di collaborazione con gli enti locali e le USSL ad essere presente in modo puntuale e propositivo nell’attività di formazione dei nuovi piani di zona per quanto attiene l’ambito sociale. Attraverso la collaborazione con LAN desideriamo indagare sulle nuove fragilità e povertà a seguito della pandemia da Covid-19. Il nostro emporio desideriamo possa divenire in futuro un primo elemento di un nuovo progetto di intervento nel sociale che la nostra cooperativa vuole aggiungere a quanto fatto sino ad ora per quanto attiene l’inserimento lavorativo. I segnali che arrivano dal comune di Spinea che orienta i beni raccolti dalla protezione civile locale verso la nostra struttura ci conforta sulla strada intrapresa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *