La Pedemontana non si ferma

I lavori della Pedemontana non si fermano nonostante il Tar del Lazio ha riconosciuto la legittimità del ricorso di un privato di Loria (Tv).

I lavori per la Pedemontana proseguono visto che allo stato attuale non è ancora stata notificata la sentenza del Tar del Lazio che, alla vigilia di Natale, ha riconosciuto la legittimità del ricorso di un privato di Loria (Tv) contro la dichiarazione dello stato di emergenza della mobilità nel territorio di Treviso e Vicenza firmata dal premier Berlusconi nel 2009. Una volta pervenuta la notifica si deciderà come procedere, ma intanto è già stato presentato un controricorso al Consiglio di Stato.

Al momento, dunque, nessun blocco né costo aggiuntivo per il project financing da quasi 2,4 miliardi di euro che andrà a collegare il Vicentino (da Montecchio Maggiore) all’alto Trevigiano (fino a Spresiano) con una superstrada a pedaggio di circa 90 km. La convinzione che non ci sarà alcun ritardo è avvalorata anche dal fatto che il ricorso del privato non riguarda il tracciato principale, ma una parte della viabilità accessoria.

Anche la vertenza sugli espropri sembra essere in via di risuluzione dopo che i giudici costituzionali avevano dichiarato l’illegittimità del valore agricolo medio definito per determinare l’indennità agli espropriati. Si è giunti, infatti, ad un nuovo studio per definire i nuovi parametri che verranno utilizzati per valutare il valore dei terreni agricoli sottratti per la realizzazione dell’opera.

One Reply to “La Pedemontana non si ferma”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *