Pil Veneto negativo anche per il 2012

Lo scenario per il 2012. Il Pil del Veneto nell´anno in corso si ridurrà dell´1,5% e i disoccupati saliranno a quota 6%. Si prevede poi un forte calo degli investimenti delle imprese (-3,8%) ed una decisa contrazione dei consumi delle famiglie (-2,4%). I dati del Rapporto Unioncamere 2012 sull´Economia del Veneto presentano un quadro molto negativo e solo l’export evidenzia qualche dinamica di progresso (+4,4%), mentre le importazioni dovrebbero contrarsi dell´1,7%. Cala, seppur di poco, il reddito delle famiglie che si attesta al -0,4% a fronte di un aumento dei prezzi al consumo saliti del 2,5%.

Il bilancio del 2011. Il Veneto ha chiuso il 2011 con una leggera crescita del Pil: +0,6%, mentre sul fronte del mercato del lavoro il sistema economico regionale ha perso 12.400 posti di lavoro, con pesanti contrazioni nell´industria manifatturiera e nelle costruzioni. Per quanto riguarda i settori la produzione agricola è cresciuta del 5%; quella industriale è stata negativa per le microimprese (-1,7%) e positiva per le grandi (+5,5%). Si protrae il trend negativo per le costruzioni (-1,6%) ed in calo si segnalano anche le vendite al dettaglio (-2,7%), in particolare per i prodotti non alimentari (-5%). In termini positivi si registra, invece, l’andamento del turismo con un incremento sia del numero di arrivi (+4,2%) che di presenze (+8,1%).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *