Accordo tra Regione Veneto, Cofidi e banche per nuovo credito alle imprese

Dopo l’annuncio da parte dell’Unione Europea di liberare per l’Italia risorse a favore delle pmi, in Veneto le piccole e medie imprese potranno contare su un altro canale di finanziamento che nasce dall’accordo siglato tra Regione Veneto (tramite la finanziaria Veneto Sviluppo), i consorzi di garanzia fidi (Neafidi, Cofidi Veneziano, Artigianfidi Vicenza, ApiVeneto Fidi, Terfidi, Fidimpresa Vernezia e Consorzio regionale di garanzia per l’artigianato), Mps-Antonveneta e Unicredit . Si tratta di 127 milioni di finanziamenti agevolati per le Pmi. Tutto questo grazie a garanzie (tranched cover) che permettono alle banche di condividere il rischio con due garanti, come appunto Veneto Sviluppo e i vari Cofidi, che si impegnano a coprire le eventuali perdite. I fondi sono destinati a finanziare il fabbisogno di capitale circolante delle pmi operanti in regione, in particolare per quelle imprese che non riescono a ottenere credito dalle banche perché non hanno un rating assegnato che le consente di accedere al credito bancario. La durata dei prestiti va dai 18 ai 36 mesi e gli importi compresi tra 30mila e 300miola euro. Le aziende che puntano al finanziamento sono proposte dai cofidi e vagliate poi dalle banche.

In questa fase del progetto sono previsti due portafogli:

  • uno da 56 milioni di euro, gestito da Mps-Antonveneta, operativo entro aprile e per cui la lista di aziende che hanno presentato la domanda è già stata definita;
  • uno da 71,4 milioni di euro, gestito da Unicredit che da aprile comincerà l’istruttoria per le domande.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *