Abolito il quorum per il referendum sulla fusione dei comuni

I referendum tra i cittadini interessati a progetti di fusioni di Comuni saranno validi indipendentemente dal numero degli elettori che vi partecipano. Unica avvertenza: il consiglio, con un emendamento concordato tra maggioranza e opposizione, si riserva la possibilità di valutare l´esito delle consultazioni se ritenesse la partecipazione al voto troppo esigua.

I primi Comuni ad andare al voto e che potranno beneficiare della nuova legge saranno Quero e Vas, per cui è stata indetta il 27 ottobre la consultazione popolare

Il voto della Giunta che sancisce l´eliminazione della soglia partecipativa da una parte responsabilizza di più i cittadini sulla scelta dell´assetto amministrativo del territorio in cui vivono, dall´altra potrà dare ulteriore impulso a questi processi di fusione.

Sono 13 al momento i percorsi di fusione in corso; il Veneto ha il record in Italia seguito dalla Lombardia con 11.

Infine è degli ultimi giorni l’annuncio che la Giunta veneta ha approvato il disegno di legge per l’istituzione del nuovo Comune di Liapiave, in provincia di Treviso, derivante dalla fusione dei Comuni di Ormelle e San Polo di Piave e si segnala che nell’ultimo periodo anche i Comuni di Conco e Lusiana, nell´altopiano di Asiago, hanno chiesto e ottenuto finanziamenti per avviare uno studio di fattibilità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *