Si attenua il calo occupazionale in Veneto

Analizzando l’andamento delle assunzioni e cessazioni, il saldo occupazionale degli ultimi 4 trimestri risulta ancora negativo (-12.000 unità), ma in miglioramento rispetto alle rilevazioni precedenti grazie al risultato ampiamente positivo registrato nei primi tre mesi del 2014 (+33.000 unità). Cresce in Veneto nei primi mesi dell’anno la domanda di lavoro dipendente+9% delle assunzioni, soprattutto per il settore dell’industria (+19% delle assunzioni), in particolare metalmeccanica (+24%).

Secondo il report “Bussola” di Veneto Lavoro per il lavoro dipendente la crescita deriva da un sensibile incremento dei contratti di somministrazione (+23%), quelli a tempo determinato (+9%) e anche l’apprendistato (+4%).  Considerando le altre tipologie contrattuali si confermano in aumento i tirocini, gli impieghi in lavori socialmente utili e le collaborazioni occasionali; calano, invece, il lavoro intermittente e le collaborazioni a progetto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *