6000 campanili: 3.100 richieste dai piccoli Comuni

Il 13 maggio 2015 si è chiuso il click day con circa 3 mila richieste arrivate dai Comuni sotto i 5 mila abitanti di tutta Italia.
Il piano, all’interno del programma 6000 campanili, in attuazione dell’art. 3 dello Sblocca Italia e in base alla convenzione stipulata tra Mit e Anci, prevede 100 milioni di euro di finanziamento per progetti da 100 mila a 400 mila euro.

Il bando dà priorità agli interventi volti:
– alla qualificazione e manutenzione del territorio, mediante recupero e riqualificazione di volumetrie esistenti e di aree dismesse, nonché alla riduzione del rischio idrogeologico;
– alla riqualificazione e all’incremento dell’efficienza energetica del patrimonio edilizio pubblico, nonché alla realizzazione di impianti di produzione e distribuzione di energia da fonti rinnovabili;
– alla messa in sicurezza degli edifici pubblici, con particolare riferimento a quelli scolastici, alle strutture socio-assistenziali di proprietà comunale e alle strutture di maggiore fruizione pubblica.

Secondo la suddivisione geografica i Comuni del Veneto hanno presentato 167 istanze; le richieste più numerose sono state quelle dei comuni piemontesi (circa 741) e dei comuni lombardi (517).

L’assegnazione delle risorse avverrà in base alle graduatorie che le Regioni compileranno delle proposte ricevute; il Comune dovrà assumere l’impegno a procedere alla pubblicazione del bando di gara o della determina a contrarre entro il 31 Agosto 2015.

Per visualizzare un elenco dettagliato delle domande per regione clicca qui

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *