Rfi finanzierà lo studio della Tav nel tratto Mestre-Portogruaro

Rfi ha garantito che finanzierà lo studio di fattibilità dell’alta capacità ferroviaria da Mestre a Portogruaro.

Nel corso di una riunione operativa fra Regione Veneto, Rfi, Italfer ed il commissario della Tav Mainardi, Rfi ha garantito che finanzierà lo studio di fattibilità dell’alta capacità ferroviaria da Mestre a Portogruaro con i 400mila euro richiesti. Lo studio potrà partire subito, ma data la ristrettezza dei tempi, dovrà essere ultimato entro l’inizio dell’estate.

Rispetto al tracciato sponsorizzato in un primo tempo dalla Regione – la cosiddetta “litoranea” – quello della linea esistente dovrebbe da un lato accorciare la lunghezza (da 71,5 a 60 km), ma soprattutto conseguire un impatto ambientale e urbanistico assai minore e un costo complessivo al ribasso rispetto a quello prospettato: 77 milioni di euro a km da Mestre a Tessera (10 chilometri) e 44 milioni da Tessera a Portogruaro (61,5).

Ora la parola passa ai sindaci ed in questo senso la prossima settimana è stato fissato un appuntamento decisivo tra il commissario Tav ed i rappresentanti dei comuni interessati: da questo incontro si attende un pronunciamento di sblocco dei sindaci dopo il loro “no” perentorio al tracciato prossimo alla costa per dare continuità al “piano Tav” nel Nordest.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *