Trasporto merci: l’Austria punta sui porti del Nordest

Il potenziamento del trasporto merci su rotaia è uno degli obiettivi che l’Euroregione, la struttura di cooperazione tra Veneto, Friuli Venezia Giulia e Carinzia il cui accordo è stato siglato a fine novembre, indica come strategico. Lo sta già facendo Rail Cargo Italia, l’impresa ferroviaria merci controllata al 100% dalle ferrovie austriache, attiva nel nostro Paese grazie alla liberalizzazione del trasporto cargo su rotaia. Le ferrovie austriache, infatti, considerano strategici i collegamenti con l’Italia, soprattutto quelli con i porti del nord adriatico, anche se attualmente il principale sbocco risulta Capodistria. I traffici riguardano container da e verso i porti e gli interporti, legname e prodotti siderurgici, ma l’offerta a breve si potrebbe estendere anche ad altre tipologie di merci. In questo contesto però gli organi competenti dell’Euroregione devono vigilare per regolare il mercato su rotaia ed evitare un’eccessiva concorrenza dell’Austria nei confronti delle altre società interessate al trasporto merci su rotaia, in primis Trenitalia Cargo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *