Nuovo piano rifiuti della Regione Veneto

Presentato il nuovo Piano rifiuti della Regione Veneto per il periodo 2013-2020, che ora passerà al vaglio della commissione Ambiente. Gli obiettivi del nuovo piano sono:

  • ridurre la quantità di rifiuti
  • estendere la raccolta differenziata
  • ridurre l’utilizzo delle discariche puntando alla produzione di nuova energia dalla combustione degli  scarti

Il piano, pubblicato sul Bur regionale il 22 marzo scorso resta in attesa di osservazioni e integrazioni da parte di tutti i soggetti interessati prima dell’iter istruttorio per l’approvazione.

Secondo gli ultimi dati sulla raccolta e smaltimento rifiuti oggi in Veneto si produce in media 1,2 chilogrammi al giorno per abitante ed il 68% dei comuni raggiunge il 65% di raccolta differenziata, con la provincia di Treviso che si rivela in questo ambito la più virtuosa (raggiunge quota 74% per la raccolta differenziata).

Tra le strategie di contenimento e riutilizzo dei rifiuti il piano indica tra le varie iniziatice la promozione del compostaggio domestico, l’ecoscambio, la vendita di detersivi e liquidi vari (acqua compresa) sfusi e alla spina, la promozione del vuoto a rendere e delle ‘filiere corte’ (dal produttore al consumatore).

Analogamente, il piano punta a ridurre anche la quantità dei rifiuti speciali (amianto, olii esausti, pneumatici, batterie, reflui di industrie chimiche) e soprattutto ad abbattere il flusso di ‘esportazione’ di questo tipo di rifiuti all’estero. In quest’ottica, inoltre, il piano punta a sviluppare il processo di trattamento e smaltimento dei rifiuti urbani e dei rifiuti speciali in loco, riconvertendo gli impianti di stoccaggio per la produzione di nuova energia generata dalla combustione degli scarti urbani.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *